Torna l’ora legale

In Blog

Torna l’ora legale

Orologio piccolo e bianco in una mano adultaDopo i lunghi e bui mesi invernali, gli orologi che vanno avanti di un’ora possono essere visti come un sollievo. L’ora legale coincide con l’aumento delle ore di luce, lo sbocciare dei fiori e l’inizio delle serate all’aperto.

La prossima ora legale avrà inizio di domenica, 25 marzo 2018.

Questo appare come un cambiamento piccolo agli “occhi” dei nostri orologi, ma può avere un peso rilevante sulla vita quotidiana dei giorni immediatamente precedenti e successivi il cambio d’ora. Tempur ha analizzato l’impatto del cambio d’ora sulla nostra vita e sul nostro sonno, scopriamolo insieme…

Disturbi associati al cambio dell’ora

Se pensate che la nostra vita quotidiana non subisca alcuna conseguenza del cambio d’ora, vi sbagliate.

Ecco i 3 principali disturbi causati dal cambio dell’ora:

1 – Disturbi del sonno – L’impatto dell’ora legale o solare sul nostro organismo è dovuto al ritmo circadiano. Il ritmo circadiano è il nostro orologio interno ed è regolato dalla melatonina, una sostanza che regola il nostro sonno, collegando la luce allo stato di veglia e il buio allo stato di sonno. Durante l’ora legale il sole sorge più tardi e ci rende difficile l’entrata nello stato veglia. Al contrario, la sera, la luce naturale è presente più a lungo e rende difficoltosa l’entrata nello stato del sonno. Le persone più sensibili a questi cambiamenti sono i “gufi” (ovvero le persone che di solito vanno a letto tardi e, di conseguenza, si svegliano tardi), mentre le “allodole” (ovvero le persone che di solito si svegliano presto quindi vanno a letto prima) sembrano risentirne in misura minore.

2 – Difficoltà di concentrazione – Meno ore di sonno o sonno di qualità inferiore, significa anche perdita di attenzione e produttività nelle attività giornaliere. I dati forniti da Google rivelano che con l’ora legale c’è un aumento esponenziale delle ricerche legate a siti non inerenti allo studio/lavoro come Facebook o Youtube. (Lo studio è stato effettuato sulle ricerche relative agli Stati Uniti, maggiori informazioni sul cyberloafing sul Journal of Applied Psychology, 2012)

3 – Problemi cardiaci – Secondo molti studi, nella prima settimana di ora legale, c’è un aumento degli attacchi di cuore. È noto che durante le prime ore del giorno, il rischio d’infarto è più alto rispetto al resto della giornata. Tuttavia, col tornare indietro di un’ora, il rischio di avere un attacco è in continuo aumento. I medici suggeriscono alle persone che soffrono di problemi di cuore, di adeguarsi gradualmente al cambio dell’ora.

Il cambio dell’ora è un’innovazione abbastanza recente.

Durante il 18° secolo l’uomo si è ritrovato a sprecare le ore di luce della mattina e a dover sprecare candele per illuminare la propria dimora durante la notte. È proprio in questo periodo che Benjamin Franklin, autore del famoso detto inglese “Early to bed and early to rise makes and man healthy, wealthy and wise” (Presto a letto e presto in piedi, rende l’uomo sano, ricco e fortunato), elabora la soluzione del cambio d’ora. Con le parole pubblicate nel 1784 sul Journal de Paris, incita la popolazione di Parigi a spostare le lancette dell’orologio in avanti insieme all’arrivo dell’estate, così da risparmiare candele la sera e sfruttare le ore di luce al mattino. Per diffondere l’idea di Benjamin ci volle più di un secolo e l’aiuto della guerra. Nel 1907, infatti, l’ora legale viene attuata da William Willet e, nel 1916,  la Camera dei Comuni di Londra diede il via libera all’adozione del British Summer Time (BST), presto diffusasi in tutta Europa.

Problemi del sonno legati all’ora legale

Se devi assolutamente essere al meglio per il lunedì mattina, ci sono alcuni semplici passaggi che puoi seguire nei giorni precedenti al cambio d’ora.

Già nelle sere precedenti puoi andare a letto 15 minuti prima, in modo da non avere uno sbalzo il sabato sera e poter andare a letto un’ora prima senza particolari problemi.

Mantenere una routine del sonno costante è importante per avere una buona qualità del sonno, quindi, apportare gradualmente questi cambiamenti ti aiuterà a non modificare la tua routine e le tue ore di sonno.

Anche se il sonno esageratamente prolungato durante il weekend è generalmente sconsigliato, avere 60 minuti in più a letto per questa volta non dovrebbe causare problemi – dopotutto è domenica!

Per dormire al meglio e garantirti una buona notte di sonno ti consigliamo i materassi Tempur in memory foam, in grado di offrirti sostegno e supporto per collo e schiena.