Consigli e Metodi per non russare la notte

In Blog

Consigli e Metodi per non russare la notte

uomo che dorme senza russareIl fenomeno del russare è definito come l’emissione, durante il sonno, di un suono più o meno fastidioso associato all’attività respiratoria, o meglio all’ostruzione parziale delle vie aeree; l’aria fa fatica a passare e di conseguenza i tessuti vibrano. I più colpiti dal problema sono gli uomini, in Italia è stimato infatti che circa il 45% di uomini russino durante la notte, 1 su 4 abitualmente, gli altri in modo più sporadico; mentre tra le donne sono meno del 30% quelle soggette al disturbo. Soprattutto se cronico, non va sottovalutato poiché potrebbe essere un sintomo di altri disturbi più o meno gravi, in questo caso, se nessun rimedio sembra avere effetto, è bene effettuare controlli specifici preso il medico curante. Ecco quindi i consigli e i metodi per non russare la notte.

Cause del russare

Secondo gli esperti il russamento può essere causato da vari fattori; primo fra tutti il fattore puramente anatomico ovvero la conformazione della mandibola e della lingua, la deviazione o ostruzione del setto nasale e l’aumento di volume della mucosa. Dal punto di vista patologico può essere causato da poliposi nasale o da apnee notturne.

Ci sono inoltre altri fattori di rischio dovuti allo stile di vita:

  • Sovrappeso: i soggetti con un’alta percentuale di grasso possono infatti avere un’eccessiva quantità di tessuti molli;
  • Fumo: che ostruisce le vie aeree;
  • Abuso di alcol: soprattutto se assunto di sera o prima di andare a dormire;
  • Posizione in cui si dorme: dormire a pancia in su, senza cuscino o con un cuscino eccessivamente molle aumenta le possibilità di russare;
  • Età: con il passare degli anni il fenomeno può peggiorare;

Metodi naturali per non russare

Se il russare tutta la notte comincia ad essere fastidioso, non solo per il soggetto coinvolto ma anche per coloro che ci dormono assieme, prima di preoccuparsi e correre da un medico il primo accorgimento da adottare per cercare di risolvere il problema senza intervenire in modo drastico è il miglioramento del proprio stile di vita e delle proprie abitudini.
Ecco qualche suggerimento per sapere come fare a non russare

  • Perdere peso, se necessario;
  • Smettere di fumare o perlomeno, se non si riesce, ridurre;
  • Ridurre gli alcolici e non assumerli più di sera, soprattutto prima di andare a dormire;
  • Praticare regolarmente esercizio fisico, tenendo così sotto controllo e riducendo i tessuti molli;
  • Cambiare posizione, spesso basta anche solo girarsi su un fianco o trovare un cuscino più adatto;
  • Seguire una dieta sana ed equilibrata, consumando regolarmente frutta e verdura di stagione, variare gli alimenti;
  • Bere almeno 2 litri d’acqua al giorno, infatti una corretta idratazione aiuta ad eliminare le tossine in eccesso, favorendo così una migliore qualità di sonno.

Nel caso in cui anche conducendo una vita sana ed equilibrata, senza sgarri ed eccessi, il russamento non diminuisce è il caso di intervenire in modo più deciso avvalendosi di altri aiuti.

Consultare il proprio medico di fiducia è sempre una buona pratica, selezionando anche alcuni accorgimenti naturali per risolvere o attenuare il problema.

Ad esempio, è possibile che il russamento sia legato a una fase stagionale, caratterizzata da raffreddori. Tra i rimedi naturali più efficaci per non russare la notte c’è l’utilizzo di olii essenziali per aprire le vie respiratorie che spesso sono ostruite a causa di raffreddori stagionali o allergie; possono infatti rivelarsi un rimedio efficace anche per coloro che non russano ma in primavera vengono colti da attacchi allergici e hanno difficoltà a dormire. Diffondere nella camera da letto, o annusare prima di coricarsi, l’olio essenziale di menta piperita, il quale, grazie al suo effetto balsamico allevierà la congestione e il mal di gola, liberando quindi le vie respiratorie.

Se vi accorgete che l’olio di menta piperita ha diminuito il vostro problema, e quindi il russare era dovuto principalmente a sinusiti e raffreddori, ma ancora non lo ha risolto del tutto è consigliabile assumere una dose maggiore di vitamina C per rinforzare il sistema immunitario.

Se il russamento invece è causato dal fatto di dormire in una stanza dove l’aria è eccessivamente secca, la soluzione potrebbe essere l’inserimento di un deumidificatore o di un vaporizzatore all’interno della casa; per amplificarne l’effetto è possibile aggiungere qualche goccia di olio di eucalipto.

Come ultimo rimedio, antico ma da sempre efficace, è possibile prepararsi delle gocce nasali per liberare le vie respiratorie con una soluzione salina, sciogliendo semplicemente in una tazza un cucchiaino di sale, 2 gocce di olio essenziale di limone e una di olio di mandorle dolci; travasare poi in una bottiglietta con nebulizzatore e spruzzare in gola.

Un’altro rimedio efficace solo le strisce orali, che andranno sciolte sul palato prima di coricarsi e, come lo spray, hanno la funzione di lubrificare i tessuti e ridurre sensibilmente le vibrazioni.

Oltre a tutti i rimedi sopra citati è fondamentale ricordare che prima di ricorrere ad essi, ci si debba assicurare della qualità del cuscino e del materasso sui quali si riposa quotidianamente. Infatti, l’usura di questi, potrebbe portare ad assumere posizioni viziate o scorrette che favoriscono il fenomeno del russare. Esistono anche cuscini ergonomici pensati appositamente per chi russa. Ad esempio, il cuscino ergonomico Millennium, è pensato per chi riposa sulla schiena: presenta un bordo anteriore ricurvo e inclinato in avanti, per accogliere il collo e le spalle e ridurre i punti di pressione e garantire sostegno a chi riposa sulla schiena. La posizione ergonomica aiuta a diminuire il russamento. Un altro accorgimento può essere quello di alzare la testiera del letto di 10-15 cm. Rispondono anche a questa esigenza le Reti Motorizzate, per muovere separatamente la sezione schiena-gambe.