Come pulire e igienizzare la Camera da Letto

Come pulire e prendersi cura della camera da letto

pulizia della stanza da lettoLo stress è il nemico primario della vita frenetica di tutti i giorni e qual è il luogo in cui troviamo cura e rimedio alle ansie e preoccupazioni della giornata? La camera da letto.Molti non sanno che, mediamente, trascorriamo circa ⅓ della nostra vita in questo ambiente: appare quindi evidente quanto sia importante pulire e prendersi cura della camera da letto, assicurandosi che questo sia un ambiente sempre confortevole. Del resto, la pulizia di questa stanza risulta delicata e, al tempo stesso, richiede precisione e metodo per assicurare un riposo ristoratore a tutti coloro che vi trascorrono le ore notturne.

Vediamo quindi quali sono i principali aspetti ai quali porre attenzione quando si decide di cimentarsi in questa attività e quali siano gli errori da non commettere.

Come pulire la camera da letto

Se non sai da dove cominciare, ricorda che pulire la camera da letto è un compito che richiede pazienza e senso pratico per portare a termine una corretta igiene profonda.

Infatti, non basterà armarsi di un’aspirapolvere e cambiare le lenzuola frequentemente (per quanto queste siano attività fondamentali e imprescindibili), ma sono necessari altri accorgimenti per eliminare in maniera definitiva acari e batteri,

Il primo consiglio da seguire – quello più semplice e rapido – è di effettuare giornalmente un cambio dell’aria, con il materasso scoperto e le lenzuola a lato. Quante volte ti è capitato di entrare in una stanza e percepire quella sgradevole sensazione di chiuso? Se pensi che gli esseri umani consumano ¼ dell’ossigeno presente nella stanza ad ogni respiro, non sono necessari grandi calcoli per capire che, a parità di anidride carbonica emessa, è necessario recuperare la composizione dell’ambiente arieggiando la stanza.

L’accumulo di polvere e sostanze allergeniche continua ad essere la causa principale di fastidi e allergie. Procedere con detergenti appositi e un pratico panno in microfibra, eliminerebbe il problema alla radice asportando da ogni angolo più insidioso i residui nascosti di sporco. Meglio sempre prediligere l’aspirapolvere alla scopa in quanto quest’ultima non elimina la polvere ma la sposta solo da un luogo all’altro.

Tecnologia

Prima di passare ai consigli pratici per rendere la camera da letto un ambiente salubre è importante sottolineare come si debba evitare, per quanto possibile, la presenza di onde emesse da dispositivi elettronici e televisori.

Per conservare la zona protetta della tua camera da letto, è consigliabile lasciare all’esterno qualsiasi dispositivo digitale in grado di emettere radiazioni, anche minime.

Le piante nella camera da letto

Di pari passo al primo suggerimento, possiamo intuire quanto la presenza delle piante nella camera da letto possa essere un punto a favore del salubre mantenimento dell’aria. Molti sono i pareri contrastanti sulla questione mondo vegetale: da una parte c’è chi predilige non fare ulteriori ricerche, evitando di introdurre qualsiasi pianta ornamentale nella camera da letto; dall’altra chi invece è sapientemente informato su quali piante possono, non solo costituire un ottimo elemento d’arredo, ma avere una funzione depurativa dell’aria.

Sin da bambini abbiamo imparato a comprendere i meccanismi della fotosintesi: di notte le piante catturano anidride carbonica ed in cambio emettono ossigeno, non è forse questo l’aiuto che stavamo cercando?

Non solo quindi un valido aiuto in termini depurazione: secondo alcuni studi le piante sarebbero in grado di trasmettere tranquillità e buon umore.

Tralasciando tutte le varietà con infiorescenze estremamente odorose e profumate, l’effetto relax sarebbe garantito dal colore rassicurante e calmante del verde.

Lenzuola e materasso

Attirati dagli ambienti caldi e umidi, gli acari proliferano con estrema facilità all’interno degli spazi più nascosti e vi si annidino in modo stabile, provocando col tempo fastidiose reazioni allergiche. I tanto celebri piccoli parassiti che interferiscono con il sistema respiratorio possono essere eliminati completamente con una semplice soluzione efficace: il lavaggio in lavatrice.

Quello che sicuramente ti starai chiedendo è voglio eliminarli rapidamente, ma come?

Disinfettare la camera da letto è la soluzione più opportuna quando si vuole praticare una pulizia profonda, ma se il tempo richiede un’alternativa più rapida allora potrai fare affidamento alla pulizia in lavatrice a 40°- 60°di lenzuola e copriletto.

Per quanto riguarda la pulizia del materasso, invece, molto dipenderà dal materiale di cui è composto. Un comune materasso a molle o in lana necessita di un primo arieggiamento all’aria aperta seguito subito dopo da una pulizia profonda con aspirapolvere. Per un risultato ancora più efficace si consiglia invece di affidarlo all’apposito lavaggio in lavanderia.

I materassi di ultima generazione sono invece realizzati in un materiale particolare – il memory foam – che distribuisce il peso del corpo e mantiene la postura corretta durante tutte le ore di sonno. In generale il sistema alveolare di cui sono dotati evita accumuli di sporco ma per assicurarsi un materasso sempre pulito, occorre verificare le istruzioni del lavaggio sull’apposita etichetta. Esistono materassi che possono essere sfoderati molto semplicemente, ponendo in lavatrice solo la fodera. Come i materassi Tempur Hybrid e Original che, grazie alla fodera QuickRefresh™, facilitano la pulizia e il lavaggio della fodera.

Così come le lenzuola, per dormire serenamente anche gli indumenti indossati dovranno seguire la linea della composizione organica. Tessuti naturali e morbidi, oltre che mantenere il corpo ad una temperatura ideale, favorirebbero un addormentamento più veloce e un sonno più riposato.

Mantenere la corretta composizione dell’aria

Le nonne lo dicevano, le mamme continuano a suggerirlo come rimedio per dormire meglio: la temperatura della stanza dovrebbe collocarsi intorno ai 20-23° gradi. Se d’inverno spesso esiti nella giusta regolazione dei di termosifoni, ti aiuterebbe sapere che riposare in una stanza fredda mantiene la pelle giovane? Gli studi confermano infatti che intorno ai 19° la regolazione del corpo porta a rilasciare alti livelli di melatonina, l’ormone responsabile del rallentamento del processo di invecchiamento di cellule e organi.